Brusa la vecia 2012

 

Sabato 17 Marzo alla presenza delle autorità e di un folto pubblico abbiamo provveduto al tradizionale "brusa la vecia" che quest'anno faceva tappa a Farra di Mel.

Ospiti d'onore della serata sono stati Eric Lomba e Adrienne.
Eric è il sindaco di Marchin un Comune in Provincia di Liegi nella Regione della Vallonia in Belgio.
Da anni grazie a Mario Darù sono in atto rapporti di amicizia tra Farra e Marchin con reciproche visite.
Approfittando della presenza di Eric per un periodo di villeggiatura nel nostro Comune abbiamo pensato di fargli conoscere uno degli aspetti della nostra tradizione popolare e proprio a lui è toccato l'onore di appiccare il fuoco alla vecia.

Questa festa tradizionale è da secoli radicata in tutto il bellunese; a Mel dal 1992 su iniziativa della Pro Loco Zumellese la manifestazione si è fatta itinerante nelle frazioni/località del Comune che di anno in anno ospitano l'evento. Alla frazione ospitante spetta il compito di allestire la vecia e redarre il testamento della condannata, letto il quale si procede al rogo per poi concludere in festa con dolci e bevande calde preparate dai gruppi.

Studi condotti dallo storico locale Cav. Nino Sartori riconducono il "brusa la vecia" a un fatto di sangue avvenuto il giorno di metà quaresima dell'anno 1372: tale Fioretta Carbonchi, da tutti additata come strega, passando davanti a una casa lanciò una maledizione verso un bimbo in braccio alla mamma; il poveretto divenne pallido, livido, sbarrò gli occhi, diede un sussulto e morì.
La gente decise di farla finita una volta per tutte, trascinò la donnaccia nella piazza maggiore del paese e la gettò in un rogo allestito in fretta e furia.
Lo sdegno del popolo contro le streghe non cessò e negli anni successivi, a metà quaresima, fu sempre ripetuto il rogo, le manifestazioni della gente rimasero ugualmente molto tumultuose e crudeli per tanto tempo ma col passare degli anni persero il carattere iniziale. La tradizione un pò alla volta si diffuse in ogni contrada della nostra provincia ed ora è un motivo di divertimento per tutti sia grandi che piccini.

Vai al racconto del Cav. Nino Sartori

 

Cronaca della festa:

Al termine di una giornata trascorsa lavorando in allegria ha visto la luce "la vecia de Fara 2012":
.

.
E' toccato a Rudi Perera (presidente del CRAL Farrese) fare gli onori di casa, sono poi intervenuti Stefano Cesa (Sindaco di Mel) e Debora Lotto (neo presidente della Pro Loco Zumellese).
Debora ha comunicato che il prossimo anno "brusa la vecia" sarà ospitata dalla località Zelant cappeggiata dal mitico Geppo.

Terminati i convenevoli Rudi ha dato il via alla manifestazione con la lettura del testamento redatto e interpretato da DimaDall'Olio e Fabio Bonora.
.

.
Il processare e dare alle fiamme la Vecia è un’occasione piacevole per mettere alla berlina in rima satirica qualche persona o avvenimento e dobbiamo dire che Dima e Fabio non si sono fatti sfuggire l'occasione chiamando in causa il campionario del peggio avvenuto a livello nazionale per poi virare sui saggi consigli che la vecia lascia in eredità affichè ciascuno riscopra con i piccoli gesti quotidiani il piacere di un sorriso o di un gesto amico.

Vai al testamento di "brusa la vecia Farra 2012"

.
Il pubblico ha salutato il testamento con un caloroso applauso sulle parole della vecia che esortava a procedere senza esitazione: «Ehi ti? Pindol, fatu che? Impiza sto fogo e che la sie finida!!!»

.
La serata è continuata in allegria sorseggiando un buon brulè e mangiando crostoli, frittelle, torte e stuzzichini preparati dai gruppi frazionali; il tutto è stato accompagnato dalla musica della fisarmonica di Gianni De Conti con la supervisione delle squadre antincendio della Protezione Civile impegnate ad osservare il lento spegnersi di questa vecia 2012.

Grazie a tutti per la partecipazione e arrivederci a Brusa la vecia 2013 in Zelant !!!




A seguire alcune immagini della vecia in costruzione:
.


Albo d'oro della manifestazione:

1992 – Villa di Villa
1993 – Marcador
1994 – Laghet
1995 – Farra
1996 – Nave
1997 – Tiago
1998 – Tremea
1999 – Gus
2000 – Pellegai
2001 – Tallandino
2002 – Carve
2003 – Valmaor
2004 – Mel
2005 – Campo
2006 – Castello di Zumelle
2007 – Villa di Villa
2008 – Marcador
2009 – Col
2010 – Carve
2011 – Gus
2012 – Farra
2013 - Zelant (prossima località ospitante)



IL TESTAMENTO
(© Dima Dall'Olio & Fabio Bonora ©)

Vecia… vecia… vecia… vecia… vecia…
Eco quel che resta de na persona, i te lo subia pian entro par na recia.
So anca mi che no son pi bona! Neanca pi an fià de educazion l’è restà in fondo alla secia!
Persi i valori, chissà dove che coron, schene gobe e teste basse! Banche governi e spred a setecento, cala i schei e cresse le tasse, can del porco che brut sto momento! Speron che in freta al passe.
Mi, par no sbagliar, fae testamento! No me serve al dotor par capir che son restada la pi vecia del paese, no se sa dove che se va a finir e grazie a Dio i me tira do dale spese! Avee intenzion de ciavarli tuti, de partir! Na crociera de almanco an  mese, ma visti i ultimi avenimenti ho deciso che l’era mejo restar qua e darghe an tajo co sti patimenti! Al Signor al ciò, al Signor al dà!
Se me varde indio no ho grossi pentimenti, eco quel che ve ase in eredità:

Berlusconi, Bersani e Tremonti, la Foriero che piande e pò sto Mario Monti, evasion fiscale, suv ma 740 da fan, controlli a Roma, Napoli… fin a Cortina! Banche, tasse, schei, spred che va su e do… su e do… speta che me segne: "comprar an borsol de vaselina…"
Schettino con l’inchino, la Costa Concordia e quela Alegra, processi, prescrizion, tutti colpevoli, tutti innocenti, l’amianto killer e il sorriso tra i denti.
Bela sta Italia piena de le so monade! Se parla de Belen e de la so farfalina… dalla sera fin a la matina.

Articolo 18, laoro, contratti co-co-co, co-co-pro, co-co co noso dove che vò… Disoccupazion, cassa integrazion, retributiva a 68 ani, ma ti la otu la pension? La fin del mese la vede si e no col canocial, dame qua sta busta paga, oddio me sente mal!
Sanremo e Celentano, il grande fratello e il piccolo nano, porta a porta, plastici, ospiti e valete, se no i mostra al cul, almanco fora ste tete! Consigli per gli acquisti, quiz, reclam e publicità! Vien quà che te impienisse al cul de luganeghe, sta attento che bel che sarà! Varietà avariati e telegiornali sempre pi drogati… e pò balon, balon e ancora balon… ma sto Buffon elo furbo o elo cojon?

I politici e i partiti, i tecnici e i tempi critici… le primarie come soluzione, la maggioranza con l’opposizione, i professori al Parlamento… speta n’attimo…fame finir sto testamento!
Portaborse, auto blu e vitalizi, poche virtù e massa vizi! Onorevoli, ministri e deputati… un mandato e già pensionati! Destra, grande centro e sinistra, “schei sparidi?... oddio sarà na svista!”… quei Boni e i cativi, troppi intaressi, massa i recidivi…
Gli illusi delusi da Lusi, l’inferno e il paradiso, il Papa veste Prada e benedice con il sorriso! I preti i ghe n’ha pat tuti, diese Ave Maria e n’Padre Nostro e i assolve i boce, veci e i farabuti!
Luoghi di culto e scopo di lucro, “se paghi le tasse anche tu, io mi copro il buco”. “Porta pazienza… paghème almanco l’ICI”. “Va bene, ma se la coppia è omosessuale… zack! Via al bici!”.

Femene col cul, tete e laver pieni de silicon, gente falsa che no sa da gnint, o pedo, da plastegon! Face brute e musi da tola e no poder fidarse pì, gnanca de la parola. Onestà, fiducia, sincerità, mah! N’inculada drio ogni canton, quel, st’altro e anca quel de là!.
L’Italia da salvar, la Padania, i teroi, la mafia e l’emigrazion… ma sta Italia elo quando che la fon?
A Roma riva la piova ma resta la neve da spalar… a Belun l’è ndata de lusso, strade nete, ma poc da siar… Ghe n’ho le cotole piene de sto temp e pedo de quei che ghe va drio… previsioni meteo, maltempo e bel tempo, l’anticiclone, l’ansia per la depressione,
"Dotor sono messa come di pressione?" 200 la massima, 120 la minima…
ho capì… prima e dopo i pasti na bela cardioaspirina! De quele liberalizade, fate in Cina!

I-pad, il dounlod, spred, Tav e smartfon, lupgrad, l’acont, la pasuord, feisbuk, tablet e'l defolt, il doundreting, l’eppy auar e il brifing, iutub, ai-tec e l’i-fne!
Qua me par che a eser onesti no se capis pi na madona… elo chi ades quei foresti?
Ma ndè tuti in mona!
Ma no ste a vardarme con quela facia smagonada! Sta vita che resta no l’è solo che poci.
Provè a impizar la testa, se no l’avè ancora usada; ghe n’è ancora de robe bele da strupiarse i oci.
N’ombra in compagnia e na bela cantada, basta poc par gratarse via i pedoci!
E no ste a badar all’apparenza, le robe ghe ol vardarle anca da sot. Zerchè de portar an poca de pasienza; col vostro on, col riva a casa, strac e cot; e co le femene par farghe pasar al mal de panza
a olte basta an soriso, na careza… basta poc!
Alzar la testa ogni tant e vardar la Luna, persa te quel sugaman negro, moi de stelle; no son come i gat, de vita ghe n’avon che una; goderse pi che se pol, combinarghe de brute e de bele! Guai a sconderse te l’ombria del campanil, a nisuni ghe pias far la fin de la merda tel badil! Proar a verder i oci an s-ciantenin, no pensar solche al nostro fienil, ma olerghe ben anca a quei che ne sta vesin.

E voialtri pi doveni, no ste stracarve drio i goti, vardè quante bele tose che avè atorno, fresche e sode, legere te i so moti. No ghe n’è solche le tete, ma anca an bel contorno!
Me raccomando voialtre sbrindolete, no ste eser smorfiose ve lo dis na femena, eser bone con tuti, anca dal ledan vien fora le gemme pì preziose. Na parola con quei bei e an spriss anca coi bruti!
No l’è tut da butar ia sto mondo mat, con tuti sti bei pupi che nas ogni dì.
L’è questo l’investimento pi grant che va fat e ricordarse anca de quei che no ghe nè pì.
La lezion, i ricordi e le bele parole che i ne ha assà! Ma ades basta ciacolar, son straca, ho finì!

Credee de no aver gnint da assar qua a Fara, ma inveze fin dal Belgio i à gnesti par vederme brusar!
Impienir i goti e star poc a tacar la cagnara, asar da parte i pensieri e far basta de sustar!
E no ste rider… che son vecia, ma no insemenida!
E ti! Pindol, fatu che? Impiza sto fogo e che la sie finida!!!

Torna alla cronaca dell'evento



STUDI SUL TEMA
(© estratto da un'intervista al Cav. Nino Sartori ©)

La festa dei falò conosciuta come "Brusa la Vecia" avviene ogni anno a metà quaresima ormai da diverse generazioni come vuole un’antichissima tradizione e trae origine molto probabilmente da riti romano - pagani che avevano lo scopo di propiziarsi le forze della natura.
Successivamente durante il Medioevo la festa si celebrava come simbolica liberazione dalle streghe e dal maligno. Questi fuochi ci dicono che siamo a metà strada tra la fine di carnevale e la Pasqua e che è tempo di fare pulizia del vecchio per far posto al nuovo che deve venire in agricoltura come nella vita.

Lo storico locale Cav. Nino Sartori così ci racconta:

«Nel Medioevo la credenza delle streghe è sempre stata molto presente tanto che ne parlano perfino il Cambruzzi (storia di Feltre), il Piloni (storia di Belluno), la sig.ra Angela Cibele Nardo (1886 nell'archivio delle tradizioni popolari). Se ne parla inoltre nelle leggende tramandate dai nostri antenati zumellesi.
Gli storici sopra citati hanno scritto nelle loro memorie che alcuni vescovi di Feltre e di Belluno furono costretti a processi lunghi e dettagliati contro le streghe e i prestigiatori (maghi) che mettevano sotto sopra la nostra vallata.

Nelle campagne feltrine si ricordano Fioretta Carbonchi e Giovanni Norcen nel bellunese Angela da Ruio e Mena Pozzo Rosso, che potevano prendere a loro piacimento le sembianze di gufi e volare a cavallo di scope fino alla "piazza del Diaol" (i centri maggiori avevano tutti una piazza maledetta) da dove scatenavano paurose tempeste.
Le streghe naturalmente erano donne molto vecchie, cattive, sporche, spettinate, con le vesti piene di "tacoi" (toppe) e quel che è peggio volevano il male degli altri e a volte anche di se stesse.
Ogni paese ne aveva una e in ogni centro si raccontavano paurose avventure.

I sortilegi e i malefizi colpivano le cose, gli animali e le persone, i prati diventavano secchi e improduttivi, le piante erano spogliate dei loro frutti, le galline morivano tutte e dal latte non si poteva più ricavare burro, formaggio nè ricotta.
Gli uomini che subivano qualche sortilegio illanguidivano e morivano dopo pochi giorni. Le streghe e i maghi nei tempi lontani venivano condannati a morire sul rogo, mentre in tempi più recenti subivano regolari processi in pretura, dove erano condannati a periodi più o meno lunghi di carcere.
La  fantasia popolare si aspettava però sempre che il condannato o la condannata fuggissero, magari dal camino o da qualche altro pertugio, dopo essersi trasformati in chissà quale diavoleria.

Lo storico Cambruzzi ricorda una certa Fioretta di Faceti, che aveva citato in giudizio alcuni paesani, i quali l'avevano chiamata strega; si diceva nel paese che la donna avesse tutte le caratteristiche della strega, a cominciare dalla facoltà di lanciare il malocchio, fino alle rituali imprecazioni.
L'ultima accusa contro questa donna era di aver avuto un'accalorata discussione con un giovane e in seguito ad una terribile imprecazione pronunciata nell'alterco il ragazzo era morto due giorni dopo.
La fantomatica strega da cui nacque poi la tradizione della "Vecia" sarebbe stata questa Fioretta Carbonchi, una delle tante che verso la fine del 1300 imperversavano in ogni contrada del feltrino e del bellunese.
Oltre all'aspetto caratteristico e sinistro di questa donna, la sua attività ne denunciava chiaramente la malvagità. Alcune persone erano certe di averla vista cavalcare una scopa, di notte; altri videro morire tutti gli animali domestici per causa sua.

Il giorno di metà quaresima dell'anno 1372 la strega passando davanti a una casa lanciò una maledizione verso un bimbo in braccio alla mamma; il poveretto divenne pallido, livido, sbarrò gli occhi, diede un sussulto e morì. La gente decise allora di farla finita una volta per tutte ed accorse in massa alla ricerca della donnaccia; questa fu trovata nel suo tugurio, fu trascinata nella piazza maggiore del paese e gettata in un rogo allestito in fretta e furia.
Lo sdegno del popolo contro le streghe non cessò; negli anni successivi a metà quaresima fu sempre ripetuto il rogo, ma la strega era rappresentata da un semplice pupazzo.

Le manifestazioni della gente rimasero egualmente molto tumultuose e crudeli per tanto, tempo.
Col passare degli anni persero però il carattere iniziale. La tradizione, un pò alla volta si diffuse in ogni contrada della nostra provincia ed ora è un motivo di divertimento per tutti grandi e piccini.»

Torna alla cronaca dell'evento