Palio delle contrade 2013: .28^edizione..


Camont
Crosere
Pian del toro
Pradon

Il caldo di stagione (ospite a lungo atteso) è puntualmente arrivato a condire la giostra di suoni e colori che accompagna la processione del Palio per le vie di Farra. Ingredienti: un paese, quattro contrade e tanta rivalità che dividendo unisce e che permette ai contradaioli di esprimersi durante la sfilata.
Appuntamento dunque nei rispettivi ritrovi per la vestizione perchè alle 15:00 è previsto l'ingresso in piazza.
Ecco affluire Crosere, Camont, Pradon e Pian del Toro coi rispettivi vessilli, gli immancabili sfottò e con tamburi trombe, trombette, raganelle, parrucche, pentole e coperchi necessari a produrre la caciara del caso. Naturalmente ciascuna contrada è ben rappresentata da un nutrito numero di irriducibili e dai rispettivi atleti che si preparano a saggiare il campo di gioco da poco riasfaltato e che ora si presenta liscio e compatto.
.

La sfilata:

Dopo le prime schermaglie viene formato il corteo che sfila per le vie del paese, l'ordine è quello di classifica dell'anno precedente (2012): Pian del Toro, Pradon, Crosere e Camont.

I riti propiziatori:

La variopinta sfilata giunge nuovamente in piazza dove ciascuna contrada osserva agguerrita le trovate estrose degli avversari e cerca di caricare i rispettivi atleti che si cimenteranno nel Tò Vegna.
Tra le file del Pradon spunta un Barbapapà, le Crosere si affidano ai riti wudù, mentre Camont e Pian del Toro colorano la piazza con i propri vessilli.

I preamboli:

I quattro portacolori delle contrade aprono la sfida incrociando le ripettive bandiere, mentre Pian del Toro riconsegna il Palio al Presidente del CRAL Orazio Rudy Perera che lo rimette in gioco.

Gli atleti:

Fra gli applausi dei contradaioli compaiono gli atleti che si giocheranno al "Tò Vegna" il palio 2013.
La sorte decreta gli accoppiamenti delle gare che saranno: "Crosere-Pian del Toro" e "Pradon-Camont".

La gara:

La sconfitta del 2012 è stata mal digerita dalle Crosere che scalpitano all'idea di rivincita con Pian del Toro.
Come da pronostico la gara è tesa e combattutissima, ma rispetto all'anno scorso Pian del Toro mette in campo Valentino al posto di Franco e finisce ancora 3-2 per i rossi.
Nell'altra semifinale Raffaele sostituisce Lorenzo per il Pradon, mentre fra i Camont fa il suo esordio Damiano che si arrangia come può e nonostante i consigli di 2 vecchie volpi come Edi e Keko la gara dice 3-0 x i verdi.
Fin qui il Palio 2013 è la fotocopia del precedente, ma quest'anno Pradon sente di potercela fare e infatti conduce per lunghi tratti la gara fino al 3-2 in situazione di "Bala rossa" (punteggio che vale doppio) e con la palla del match a disposizione, ma Pian del Toro capovolge le sorti dell'incontro e recupera fino al 3-4 per poi firmare il punto del 3-5. Il Palio 2013 dice ancora: Pian del Toro Pradon Crosere Camont.

 

Le premiazioni 1:

Alle 19:00 appuntamento per tutti presso le scuole con la bicchierata e il consumo dei "resti" del rinfresco della mattina. La serata trascorre in allegria fra un "becanot" e qualche sana polemica ("ombre" del doping?) fino alla consegna del Palio preceduta dai discorsi dei rappresentanti delle contrade (vedi filmati più sotto).
.

Le premiazioni 2 (i discorsi):

L'ordine di parola ricalca la classifica finale, comincia quindi Francesco per i Camont, poi è il turno di Federico per le Crosere, Nevio per Pradon e dulcis in fundo Valentivo per Pian del Toro.
.

..E' proprio dalle semplici parole di Valentivo studente universitario che
..esce l'immagine più bella dell'intera giornata con l'elogio alla
..manifestazione per l'aspetto aggregativo e goliardico che si augura
..possa essere vissuto e recepito dalle prossime generazioni e che nel
..suo caso non gli fa vedere l'ora di tornare al paese.
.
..Molti dei presenti hanno salutato con entusiasmo e gli occhi lucidi 
..le parole di Valentino che sono un riconoscimento a chi ha lavorato,
..lavora e lavorerà nel CRAL Farrese.

Processione al Pian del Toro e festa finale:

Una volta espletate le formalità, la festa si è trasferita presso la contrada vincitrice non prima di aver portato a spasso per il paese il Palio e dopo aver prelevato Franco. Fra un brindisi un canto e la gioia dei bambini la sera poco per volta cede il passo alla notte e la compagnia si sfoltisce.
E' stata una giornata indimenticabile per tutti, soprattutto per i bambini ai quali non pareva vero tutto quel cinema a bordo della falciatrice di Nevio.
.